Assign modules on offcanvas module position to make them visible in the sidebar.

FacebookTwitterLinkedinRSS Feed

Durante una gara, un giocatore deve mantenere un livello di attenzione elevatissimo in quanto deve elaborare numerosi stimoli fisici, tecnici, tattici ed ambientali che sono in continuo mutamento. Inoltre deve essere capace di dare importanza solo a quelli fondamentali ed elaborare la miglior risposta nel minor tempo possibile. Se dovessimo pensare a uno schema motorio fondamentale come lo sprint, succede molto spesso di vedere esercitazioni con coni o cinesini colorati, nel quale il calciatore deve eseguire corse verso il cinesino indicato, questo tipo di esercizio però tralascia la funzionalità della gara. Diversi studi dimostrano che il cervello usa neuroni diversi anche se vengono usati gli stessi muscoli, quindi è fondamentale rendere l'esercizio funzionale al fine del gioco. A tal proposito inserire uno sprint in un ambiente situazionale attiverebbe gli stessi neuroni che si attiverebbero in partita rendendoli più "veloci". Nella programmazione fisico-atletica, bisogna tener conto degli aspetti cognitivi inerenti al contesto di gioco.

                                                                                       

Io personalmente consigli di introdurre negli allenamenti sempre una buona dose di psicocinetica, magari associata sempre alla palla. La psicocinetica aiuta a prendere la decisione giusta nel minor tempo possibile, quindi è fondamentale per velocizzare il movimento e di conseguenza il gioco, ovviamente gli stimoli dati dal coach devono sempre variare altrimenti c'è un adattamento fisiologico da parte del giocatore. Per variare l'esercizio si possono usare colori, suoni, o semplicemente dei segnali l'importante è tenere l'attenzione del giocatore sempre al 100%. Ovviamente ho scelto Pirlo perchè secondo me è il giocatore con la velocità di pensiero più alta tra tutti ed è capace ci prendere la giusta decisione in breve tempo. quindi se si parla di velocità di pensiero e d'azione non si può non far riferimento a lui.                                                                                        

                                                                                                                                                                                                                                                   Dott. Francesco Del Zotti